21.6 C
Milano
martedì, Giugno 25, 2024
HomeMusicaLiveConcerti ed eventi, i biglietti si comprano a rate: l'indagine

Concerti ed eventi, i biglietti si comprano a rate: l’indagine

La Gen Z spende in media 36 euro, aumentano anche i ticket regalati agli amici. Tra gli over 28 esplode l’utilizzo dei metodi alternativi alla carta di credito

Per comprare i biglietti di eventi e concerti, a partire dalla ripresa dei live dopo lo stop imposto dal Covid, la Generazione Z investe in media 36,86 euro per transazione, dimostrando non solo una significativa capacità e disponibilità a spendere ma anche un forte interesse verso esperienze di valore. Sorprendentemente, il 0,75% dei biglietti per questa fascia d’età non viene acquistato direttamente dagli interessati, ma ricevuto attraverso acquisti fatti da altri, segno di una tendenza alla condivisione di esperienze e alla celebrazione tramite regali. I dati sono di TicketSms.

Questa generazione mostra anche una spiccata preferenza per i metodi di pagamento digitali, con PayPal in testa al 4,42%, seguito da vicino da Satispay al 4,22% e dai pagamenti rateizzati al 3,86%. “Questa inclinazione verso soluzioni online riflette la ricerca di praticità e sicurezza nelle transazioni digitali – commenta il ceo di TicketSms, Andrea Vitali – un aspetto che TicketSms ha sempre tenuto in grande considerazione, integrando queste preferenze nella nostra piattaforma che permette di effettuare transazioni economiche praticamente con ogni metodo possibile”.

Il trend dei biglietti a rate

Interessante poi l’analisi sul fenomeno del “buy now pay later”, ossia quella forma di pagamento rateizzato a breve termine anche su piccoli valori: i giovani così possono andare al concerto anche se non hanno immediata liquidità. La Generazione Z utilizza il metodo di pagamento rateizzato sempre di più, oggi siamo arrivati al 3,86% del campione per un modello di acquisto che fino a pochi mesi fa praticamente non esisteva nell’eventistica. C’è un calo significativo nell’utilizzo di questa opzione tra gli utenti oltre i 28 anni, dove la preferenza scende allo 0,72%.

“Questa discrepanza sottolinea un cambio di atteggiamento verso la gestione finanziaria tra le diverse fasce d’età con i più giovani che mostrano una maggiore apertura verso modalità di pagamento flessibili che si adattano al loro stile di vita dinamico e alle loro esigenze finanziarie immediate”.

Andrea Vitali

I pagamenti alternativi

Dall’altro lato dello spettro, gli utenti oltre i 28 anni manifestano una profonda valorizzazione delle esperienze significative, con una spesa media per transazione di 38,85€ e una marcata autonomia negli acquisti. La loro tendenza a preferire metodi di pagamento affidabili come PayPal sottolinea ulteriormente l’importanza della sicurezza nelle transazioni online.

“In TicketSms, crediamo fermamente nel potere delle esperienze condivise e personali”, conclude Vitali. “Siamo impegnati a fornire una piattaforma che non solo faciliti l’accesso a una vasta gamma di eventi ma che rispecchi anche le esigenze e le preferenze di un pubblico eterogeneo. La nostra visione è quella di creare un ponte tra le persone e le loro passioni, rendendo ogni evento un’esperienza memorabile e significativa, indipendentemente dall’età o dalle preferenze di pagamento. Questa missione ci guida ogni giorno, spingendoci a innovare e ad arricchire la vita dei nostri utenti con momenti indimenticabili”.

Articoli Correlati

POPOLARI