32.1 C
Milano
lunedì, Luglio 15, 2024
HomeSportEuropaEuropei 2024: Italia eliminata, la Svizzera vince 2-0. Spalletti prova la rivoluzione...

Europei 2024: Italia eliminata, la Svizzera vince 2-0. Spalletti prova la rivoluzione ma… (diretta)

Nella formazione titolare proposta agli ottavi ci sono almeno tre novità, ma l’atteggiamento è sbagliato fin dall’inizio

Nella partita vinta dalla Svizzera, valida per gli ottavi degli Europei di calcio in Germania, l’Italia – eliminata – presenta almeno tre novità: il ct Luciano Spalletti rivoluziona la formazione titolare, in alcuni ruoli strategici, ma l’interpretazione della sfida in campo non sembra quella giusta già dai primi istanti di gioco. Ecco il racconto in diretta del match, con alcune riflessioni finali.

La formazione, tra necessità e virtù: rinnovata o stravolta?

Oltre alla sostituzione dello squalificato Calafiori con Mancini e dell’infortunato Dimarco con Darmian – nella difesa completata da Bastoni, Di Lorenzo e il portierone Donnarumma -,  si registra la bocciatura di Jorginho davanti a loro.

Infatti a centrocampo ora, accanto a Barella, ci sono Cristante e Fagioli, al suo vero debutto dal primo minuto come “cervello” della regia degli Azzurri. E le novità non sono finite, perché in attacco con Scamacca e Chiesa spunta a sorpresa Stephan El Shaarawy.

La Svizzera può far paura, ha fatto bene nel girone anche con i tedeschi padroni di casa. Tra l’altro sì gioca a Berlino, dove la Nazionale torna per la prima volta dopo il Mondiale vinto nel 2006.

La partita. Il primo tempo

Il primo miracolo di Gigio Donnarumma si compie al 23esimo in risposta all’iniziativa dell’attaccante Embolo, tra gli elvetici più temibili e pericolosi. La trama del match sembra la solita per gli Azzurri, che faticano a creare gioco, anche se al 25esimo c’è uno spunto interessante di Federico Chiesa. E’ un fuoco di paglia.

Al 37esimo la Svizzera costruisce un’azione, con disinvoltura e facilità, senza essere disturbata in alcun modo, che porta al gol Freuler, il vice capitano del Bologna. Stoppa tranquillamente la palla in area, la fa rimbalzare e la calcia verso la porta facendola passare tra le gambe sia di Mancini sia di Donnarumma.

L’Italia è sotto di uno ed è in forte difficoltà sotto tutti i punti di vista, non ultimo quello psicologico. Donnarumma ci mette subito un’altra pezza su una punizione velenosa che carambola sul palo e finisce fuori.

Il secondo tempo

Gli Azzurri tornano in campo senza Shaarawy e con Zaccagni, l’eroe del pareggio al 98esimo con la Croazia che è valso la qualificazione. I ragazzi hanno ancora la testa negli spogliatoi ma stanno già “passeggiando” in campo, quando Vargas piazza con grande serenità il pallone sotto il sette.

Siamo 2-0 e l’Italia non ha mai dato l’impressione di poter reagire alla sua stessa inerzia. Il centrocampista Barella, non al meglio, lascia il posto a Retegui, un attaccante per cercare il tutto per tutto, ma la squadra brancola nel buio.

Il modulo può essere pure offensivo come un 4-2-4 ma, se non si concretizzano movimenti e meccanismi di gruppo, è inutile. Bisogna dare atto a Chiesa che è l’unico a crederci: corre e rincorre ovunque.

Non si sa bene come, al 73esimo si materializza una pulitissima occasione per accorciare le distanze: Zaccagni mette Gianluca Scamacca nella condizione di tirare da un metro ma il palo dice no. Qui bisognava fare gol. L’eliminazione dagli Europei a questo punto diventa inevitabile.

I problemi dell’Italia

Che la Nazionale avesse una rosa da rifondare, già da qualche tempo, si sapeva. Per ritrovare un vero “assetto” formato da campioni ci vorranno probabilmente anni.

Ma in ogni caso quello a cui abbiamo assistito nella partita con la Svizzera e forse in generale in questi Europei non è all’altezza degli Azzurri. Lo dimostra il fatto che Donnarumma è stato sempre il migliore in campo.

La difesa è fragile, il centrocampo non ha la bussola, l’attacco è risultato perlopiù impalpabile. E’ in una situazione – grave – come questa, che deve uscire con tutta la sua forza la mano dell’allenatore.

Il carattere di Spalletti e del suo gioco lo conosciamo tutti, l’abbiamo visto anche nel campionato di Serie A vinto dal Napoli. Ma finora è mancato completamente.

Articoli Correlati

POPOLARI