21.6 C
Milano
martedì, Giugno 25, 2024
HomeSportItaliaCalcio femminile italiano. Le donne come gli uomini

Calcio femminile italiano. Le donne come gli uomini

Una breve storia del calcio italiano al femminile dal 2017 ad oggi, passando per Sara Gama, emblema del movimento e autrice del libro “La mia vita dietro un pallone

Il movimento calcistico italiano al femminile gode di una nuova immagine e di un percorso di crescita che porta verso il professionismo con la discesa in campo della Juventus nell’estate del 2017. Prima di allora nessuna pubblicità sui media nazionali e nessun interesse da parte delle televisioni. Senza questi mezzi che portano a conoscenza del grande pubblico le gesta delle calciatrici è come se il campionato non esistesse.

Le ragazze godono di piccoli momenti di celebrità sporadici, frutto di morbosa curiosità come quando nel Fiamma Monza gioca la moglie di Ronaldo (2001-03). Nessuno ricorda gli scudetti della Sassari Torres (record con 7). Carolina Morace e la goleador Panico fanno parte di un passato che portava le ragazzine a dover giocare con i maschi, ad allenarsi in piccole realtà senza strutture e a doversi confrontare con le prese in giro e i luoghi comuni.

Anche la Juventus comincia con un ritiro estivo in uno sperduto paesino della montagna valdostana e senza clamore immediato. Il primo campionato, vinto ai rigori nello spareggio contro il Brescia, segna un punto a favore delle donne. Gli spettatori crescono e i media iniziano ad interessarsi alle storie delle ragazze. Studiose, intelligenti e portatrici sane di una vera passione per il calcio che non si vede più sui campi maschili dove tutto viene vissuto e raccontato in base al business.

Emblema del movimento è il capitano della Juve e della nazionale Sara Gama che riesce a portare avanti le battaglie sindacali delle ragazze grazie al sostegno della Federazione che si prende cura del campionato femminile dalla stagione 2018-19. Il resto è storia recente. Un campionato sempre più importante. La Juve e la Roma (campione in carica), il Milan e l’Inter poi il Napoli e la Fiorentina.

Le grandi piazze arrivano una dopo l’altra e il divario con il grande calcio europeo si assottiglia sia a livello di club che di nazionale. Dal 27 aprile 2022 la svolta: le donne sono professioniste e come tali vengono trattate seppur limitatamente al campionato di serie A. Quando arriva il professionismo finiscono le caratteristiche tipiche dei dilettanti. Passione, fair play e nessuna polemica: soltanto gioco.

E si comincia a prendere esempio dal calcio maschile con le discussioni arbitrali, gli episodi poco sportivi, gli insulti alle calciatrici avversarie e il classico del mondo del calcio: l’esonero dell’allenatore. La Juventus comincia la sua storia vincente con Rita Guarino e la prosegue con Joe Montemurro che prima dei playoff-scudetto di questa stagione viene, a sorpresa, esonerato. Incompatibilità con l’ambiente, discussioni coi tifosi, mancanza di risultati, assenza di dialogo con le giocatrici, a parte la comunicazione della formazione che deve scendere in campo. Fine di un’era romantica, benvenuti nel club degli OUT!

Articoli Correlati

POPOLARI