21.6 C
Milano
martedì, Giugno 25, 2024
HomeCulturaTeatroJulie, a teatro con la realtà virtuale: la Statale di Milano porta...

Julie, a teatro con la realtà virtuale: la Statale di Milano porta Strindberg nel Metaverso

L’Università degli Studi di Milano e il Centro Teatrale Bresciano portano in scena Julie, adattamento da August Strindberg, sviluppato in realtà virtuale. Sarà al Parenti fino al 14 aprile

Negli ultimi anni in molti si sono chiesti come far appassionare i giovani al teatro. Ora una spinta potrebbe venire dall’innovazione tecnologica unita al sapere umanistico, grazie al gruppo di ricerca del Dipartimento dei Beni Culturali e Ambientali della Statale di Milano che sta lavorando per trasportare nella realtà virtuale uno spettacolo teatrale tradizionale.

Questo progetto debutta con una prima sperimentazione: la rappresentazione al Teatro Franco Parenti di Julie, adattamento de La signorina Julie (1888) di August Strindberg, produzione del Centro Teatrale Bresciano in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano. Sul palco ci saranno Matteo Bonanni e Maria Laura Palmeri per la regia di Paolo Bignamini su drammaturgia di Maddalena Mazzocut-Mis, docente di Estetica dell’ateneo milanese.

Lo spettacolo in scena al Teatro Franco Parenti di Milano dal 10 al 14 aprile sarà infatti una prima versione tradizionale, ma già pensata nella recitazione e nella regia per la sua traduzione in realtà virtuale: gli attori interagiranno con una videocamera montata su un treppiede, dando allo spettatore la possibilità di osservare l’azione in scena anche attraverso il feed proiettato in diretta su una parete del teatro, anticipando così l’adozione di diversi punti di vista (POV) in realtà virtuale.

Successivamente, da questo spettacolo verrà girato un video immersivo a 360° fruibile tramite visori per la VR: Julie entrerà così nel Metaverso sfruttando tutte le risorse date dal nuovo mezzo digitale a cui stanno lavorando gli umanisti della Statale.

“La realtà virtuale ci mette a disposizione tante idee creative” spiega Francesco Tissoni, docente di Editoria Multimediale della Statale di Milano. “Per esempio, potremmo offrire agli spettatori la possibilità di fruire la tragedia attraverso il punto di vista di uno dei protagonisti, oppure sfruttare la componente onirica usando effetti di videoarte. Oppure ancora inserire dipinti o fotografie realizzati all’epoca dallo stesso Strindberg. Sono tutte ipotesi su cui lavoreremo in fase di post-produzione. In questa prima sperimentazione la visione in VR sarà asincrona, quindi il video immersivo sarà disponibile in streaming successivamente all’allestimento teatrale, dopo una serie di interventi ad hoc. Ma esistono già modalità di fruizione sincrone, che consentono di aggiungere elementi virtuali alla rappresentazione tradizionale mentre lo spettatore è in poltrona”.

Dopo questa prima sperimentazione con Julie, sono previsti per il 2024/2025 due grandi spettacoli, uno di prosa e uno di lirica, in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e il Petruzzelli di Bari. Per la loro produzione serviranno tecnologie molto avanzate e per questo è previsto il coinvolgimento di aziende specializzate, reclutate tramite bando a cascata

Articoli Correlati

POPOLARI